Articoli‎ > ‎

Dichiarazione dei redditi: obbligo o facoltà del contribuente



Il sistema tributario italiano prevede che il contribuente “dichiari” il proprio reddito, liquidi e versi le imposte che egli stesso ha calcolato.

Per fare ciò il contribuente può avvalersi di Centri di Assistenza Fiscale – CAF o di altri intermediari abilitati (commercialisti, consulenti del lavoro ecc…).

La dichiarazione dei redditi deve essere predisposta e inviata all’Agenzia delle Entrate tramite il modello denominato UNICO.

I contribuenti che rispettano taluni requisiti, possono presentare, in luogo del citato modello il 730 al proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro) o ai CAF abilitati.

 


Obbligo di dichiarazione

Sono obbligati a presentare la dichiarazione dei redditi, i contribuenti che nel periodo d’imposta hanno posseduto uno dei redditi indicati all’art. 6 del T.U.I.R.

Rientrano tra le citate categorie di redditi i ss:

  1. redditi fondiari;
  2. redditi di capitale;
  3. redditi di lavoro dipendente;
  4. redditi di lavoro autonomo;
  5. redditi d’impresa;
  6. redditi diversi.

Giova precisare che tra i redditi fondiari rientrano ai sensi dell’art. 25 T.U.I.R., quelli scaturiti dal possesso a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale (salvo quanto stabilito dall’art. 33 Testo unico) di terreni e fabbricati situati in Italia.

 

Casi di esonero

Il legislatore ha previsto però due tipologie di casi di esonero: una relativa alla categoria di redditi posseduti e una legata invece alla quantità di reddito prodotto nel periodo d’imposta.

Riportiamo i casi più frequenti di esonero nelle tabelle 1 e 2.

I contribuenti che si trovano in una delle condizioni di cui alle tab. 1 o 2, non sono tenuti a presentare la dichiarazione dei redditi.

Per questi soggetti la dichiarazione è una facoltà che può essere esercitata, per esempio, per chiedere il rimborso d’imposte pagate in eccedenza, per esercitare i diritti di deduzione e detrazione di cui sempre al Testo Unico (spettanti per esempio per chi ha sostenuto spese sanitarie, spese funebri, interessi passivi per mutui, ristrutturazioni prima casa, contributi a colf o badanti ecc...).

 Tab. 1

CASI DI ESONERO PIU’ FREQUENTI PER TIPOLOGIE DI REDDITO

Il contribuente si trova in uno dei casi di esonero se possiede congiuntamente i requisiti di cui alle colonne 1 e 2

Colonna 1

Colonna 2

1

Possesso di sola abitazione principale e sue pertinenze (box, cantina, ecc.)

Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato a effettuare le ritenute d’acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio.

Inoltre le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute addizionali regionali e comunali.

2

Lavoro dipendente o pensione

 

Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato a effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio.

Inoltre le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute addizionali regionali e comunali.

NB: i datori di lavoro domestici (come anziani o persone fisiche non titolari di partita IVA non effettuano le ritenute d’acconto).

3

Possesso di sola abitazione principale e sue pertinenze (box, cantina, ecc.) + Lavoro dipendente o pensione

Redditi corrisposti da un unico sostituto d’imposta obbligato a effettuare le ritenute di acconto o corrisposti da più sostituti purché certificati dall’ultimo che ha effettuato il conguaglio.

Inoltre le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute addizionali regionali e comunali.

4

Possesso di soli redditi esenti:

Esempi: rendite erogate dall’Inail esclusivamente per invalidità permanente o per morte, alcune borse di studio, pensioni, indennità, comprese le indennità di accompagnamento e assegni erogati dal Ministero dell’Interno ai ciechi civili, ai sordi e agli invalidi civili, pensioni sociali.

 

5

Possesso di soli redditi soggetti a imposta sostitutiva o a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta.

Esempi: interessi sui BOT o sugli altri titoli del debito pubblico, interessi sui conti correnti bancari o postali; redditi derivanti da lavori socialmente utili

 

 Tab. 2

CASI DI ESONERO PIU’ FREQUENTI PER TIPOLOGIE DI REDDITO

Il contribuente si trova in uno dei casi di esonero se possiede congiuntamente i requisiti di cui alle colonne 1 e 2

Colonna 1

Colonna 2

1

Terreni e/o fabbricati (compresa abitazione principale e sue pertinenze)

Limite di reddito € 500

2

Lavoro dipendente o assimilato per un periodo non inferiore a gg 365;

le detrazioni per coniuge e familiari a carico sono spettanti e non sono dovute le addizionali regionale e comunale.

Limite di reddito € 8.000

 

3

Pensione + terreni + abitazione principale e sue pertinenze (box, cantina, ecc.)

Limite di reddito € 7.500 (pensione) 185,92 (terreni)

4

Redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente e altri redditi per i quali la detrazione prevista non è rapportata al periodo di lavoro.

Esempi: compensi percepiti per l’attività libero professionale intramuraria del personale dipendente dal S.S.N., redditi da attività di lavoro autonomo occasionale.

Limite di reddito € 4.800

5

Compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche

Limite di reddito € 28.158,28

 

In generale, non è tenuto alla presentazione della dichiarazione dei redditi il contribuente che, durante il periodo d’imposta, non è titolare di partita IVA, non è obbligato alla tenuta delle scritture contabili e possiede redditi per i quali è dovuta un’imposta non superiore a € 10,33.

 

Quando conviene presentare la dichiarazione dei redditi

 

Il contribuente, anche se non obbligato, può presentare ugualmente la dichiarazione dei redditi.

 

Ciò può essere utile, per esempio, quando questi ha subito ritenute che ritiene essere superiori a quelle dovute (per esempio elevate ritenute d’acconto su un reddito annuale relativamente basso), per richiedere le stesse (o parte di esse) a rimborso.

 

Oppure qualora il soggetto passivo voglia esercitare il diritto alla detrazione o deduzione di talune spese sostenute durante il periodo d’imposta.

 

Ancora, il contribuente può presentare la dichiarazione dei redditi, ove ritenga che il proprio sostituto d’imposta (datore di lavoro o ente erogante) abbia eseguito ritenute superiori a quelle dovute (a causa di errori per esempio, nel conteggio di familiari a carico).

 

Per ulteriori informazioni si rimanda alle istruzioni del modello UNICO 2012 (fascicolo 1), disponibili sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Istruzioni UNICO 2012

 

 Articolo del consulenteinterattivo.it. Per segnalare errori, omissioni, imprecisioni, problemi nella visualizzazione del sito scrivi alla redazione all’indirizzo consulenteinterattivo@virgilio.it

Comments