L'esame di stato per la professione di Dottore Commercialista


Corso Esame Dottore Commercialista - Esperto Contabile

 SEDI DI CATANIA, CALANISSETTA, SIRACUSA e ON-LINE

DA GENNAIO 2018



Le prove e gli argomenti dell'esame di stato per la professione di dottore commercialista

L'esame di Stato per la professione di dottore commercialista - sezione A è articolato su 4 prove di cui 3 scritte e un’orale.

Le prove scritte dell’esame di stato per la professione di dottore commercialista si svolgono in due sessioni, I e II, rispettivamente nel mese di giugno e novembre.

Il candidato respinto nella prima sessione, può presentare nuovamente domanda di ammissione per la seconda sessione. Tuttavia questi sarà tenuto nuovamente al pagamento integrale delle tasse.

Il costo delle tasse dipende dal polo universitario.


La prova scritta


La prova scritta dell’esame di abilitazione è certamente la più impegnativa. Questa vede coinvolto il candidato nell’elaborazione di 3 quesiti i cui argomenti possono variare all’interno di una rosa di materie enunciate dal ministero.

Vediamo le materie oggetto d’esame

Prima prova

Ragioneria generale e applicata, tecnica industriale e commerciale, tecnica bancaria, tecnica professionale, finanza aziendale e revisione aziendale.

Seconda prova

Diritto privato, diritto commerciale, diritto fallimentare, diritto tributario, diritto del lavoro e della previdenza sociale, diritto processuale civile;

Terza prova – a contenuto pratico

Si tratta di un'esercitazione sulle materie previste per la prima prova scritta, ovvero sulla redazione di atti relativi al contenzioso tributario (ricorsi, istanze all’Agenzia delle Entrate…).


La prova orale


Durante la prova orale sono sondate le conoscenze del candidato circa tutte le materie oggetto delle prove scritte, con il possibile approfondimento di ulteriori materie quali: informatica, sistemi informativi, economia politica, matematica e statistica, legislazione e deontologia professionale.

Da un’analisi delle tracce somministrate ai candidati nell’ultimo decennio, è consigliabile approfondire soprattutto: la tecnica ragionieristica, i principi contabili nazionali OIC e internazionali IAS-IFRS, le operazioni straordinarie (cessione d’azienda, fusione, scissione, liquidazione) nelle diverse forme e l’analisi di bilancio...

E’ altresì consigliabile esercitarsi con frequenza regolare sulle prove d’esame delle precedenti sessioni, relative all’ateneo in cui s’intende sostenere l’esame. Questo perché dalla lettura delle tracce d’esame dei singoli atenei, emerge che spesso alcuni centri accademici prediligono taluni argomenti rispetto ad altri.

Il candidato, infatti, deve tenere presente che, il testo dell’esame è redatto dalla singola commissione d’esame e pertanto questo è diverso per ogni sede italiana.

Esami di stato I sessione 2013

Esami di stato II sessione 2012


Comments